Home arrow Notizie arrow Ultime arrow Esperienze
Immagini
Esperienze PDF Stampa E-mail
ImageEstate 2010 Il progetto IO CI SONO ideato e promosso dal centro di servizio LAVOPS di Sondrio, ha voluto stimolare tutte le Associazioni della Valtellina a farsi carico di proporre ai giovani un’esperienza di VOLONTARIATO ALL’ETERO PER I GIOVANI. Questa idea ha "prodotto" due progetti/viaggio in Moldavia con "IRFF" e in Brasile con "Tempos Novos". Il video, finanziato dalla Banca Credito Valtellinese e sostenuto sempre dal Centro di servizio, mostra l’esperienza raccontata dai giovani presenti in entrambe le esperienze. in Moldova. Alcune immagini.

- MONICA -

Quest’estate sono stata molto fortunata, perché ho conosciuto il sorriso della Moldavia : i bimbi in orfanotrofio. È qualcosa di speciale perché è il sorriso di chi è meno fortunato, di chi soffre e non si vede.Sono partita per la Moldavia grazie al progetto “Io ci sono”, tramite il quale ho conosciuto l’associazione  I.R.F.F. ONLUS Adozioni a distanza, che opera a favore di 2 orfanotrofi del piccolo e povero stato della Moldova, dimenticato tra la Romania e l’Ucraina.La Moldavia è priva di una situazione politica stabile (è senza Presidente da un anno), vive di quel poco che la terra produce, non ha alcuno sviluppo industriale in atto, per cui i problemi principali sono la povertà e l’emigrazione di tutta la forza lavoro all’estero. Le famiglie sono quindi spesso divise o problemi di alcoolismo e violenza impediscono la crescita dei figli, che vengono quindi  lasciati in orfanotrofio. L’ I.R.F.F. si occupa principalmente di adozioni a distanza , ma ciò su cui punta non è solo l’aiuto economico per i bambini di Chisinau e Oras Balti , ma soprattutto sul legame affettivo che può nascere tra la nuova famiglia adottiva e i bimbi, che molto spesso crescono senza punti di riferimento stabili. Questo progetto è infatti  possibile considerata la relativa vicinanza tra Italia e Moldavia, tanto che ogni anno viene proposto ai genitori adottivi di trascorrere una settimana in Moldavia con i bambini. Io stessa ho constatato l’importanza che può assumere per i bimbi la presenza affettiva dei “genitori” italiani, dato che le prime (e le uniche) parole in italiano da loro pronunciate erano i nomi dei loro “sponsors”( così li chiamano loro), di cui chiedevano a me notizie!

 Image

Io sono partita con altri 2 ragazzi, inaugurando il nuovo progetto per studenti che prevede la possibilità di conoscere la realtà moldava e degli orfanotrofi. Abbiamo trascorso qualche giorno nella capitale Chisinau e altrettanti a Balti, presso i campi estivi dove rimangono tutti i bambini che non hanno l’opportunità di tornare a casa,dato che gli orfanotrofi (che ospitano ragazzi dai 6 ai 18 anni)  durante l’estate chiudono. Nei campi estivi i bimbi hanno l’opportunità di dormire, mangiare e giocare, gestendo autonomamente il loro tempo libero all’aria aperta. Per vivere una “vacanza” un po’ alternativa come questa non bisogna mettere nulla di particolare nella valigia, perché ciò che i bambini chiedono è ciò che tutti possono offrire, vale a dire un sorriso, un abbraccio, un’attenzione, un momento di gioco. È semplicemente necessario un cuore altruista e un po’ di spirito di adattamento! Le mie giornate con i bambini trascorrevano giocando a palla,cantando filastrocche seguite dal battito delle mani e inventando nuovi passatempi. I momenti più belli erano la sera, quando si alzava la musica e si ballava in cerchio come una grande famiglia! Non posso sapere se ciò che ho saputo offrire a quei bambini è stato poco o molto, ma in fin dei conti non ha alcuna importanza, perché la differenza tra un giorno vissuto e uno perso può farla anche un semplice sorriso. Ciò che ho imparato grazie a loro è invece molto importante, perché vivere (e non solo immaginare approssimativamente per sentito dire) una realtà più povera e sfortunata della mia, sentire la solitudine di un bimbo con un abbraccio mi ha permesso di aprire il cuore e cambiare occhi: ora vedo tutte le cose di cui posso disporre gratuitamente per volere del destino. Come disse Marcel Proust:” I veri viaggi di esplorazione non consistono nello scoprire nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.” ,affinchè conoscere il mondo e preoccuparsi anche degli altri ci permetta di gustare la vita.
PER SERGIO:
L’esperienza in Moldavia è stata sicuramente positiva, come ho detto nell’articolo, innanzitutto per me stessa, perché mi ha reso ancora più sensibile nei confronti della realtà degli orfanotrofi,di cui sapevo molto poco.  È molto importante coltivare un progetto per studenti, affinchè anche i giovani, e non solo le famiglie, possano conoscere la realtà moldava e spendere le loro energie per aiutare gli altri. Credo sia ancora meglio, se possibile, proporre un’esperienza simile anche durante l’anno, per poter comprendere di più la vita di un orfanotrofio e non solo del campo estivo. Io sono partita senza previsioni su cosa avrei trovato e cosa avrei fatto e, dato che ora lo so, in occasione di una seconda esperienza, mi piacerebbe pensare in anticipo ai giochi con i bambini. Sarebbe bello infatti lanciare l’idea di una specie di grest o comunque organizzare attività che coinvolgano  di più i bambini moldavi, dato che in questi campi estivi sono lasciati un po’ a loro stessi. L’organizzazione della settimana è stata perfetta, perché in pochi giorni ho potuto vedere tante cose e conoscere più persone, nonostante il tempo non sia stato sufficiente per stringere legami più stretti con i ragazzi. Ringrazio tutti,l’associazione, Sergio, i miei genitori e i miei compagni di avventura, Giulia, Giuliana e Andrea per avermi permesso di vivere quest’esperienza e per averla resa così piacevole e divertente!

 Monica

 

- GIULIA -

Dire che è stata un'esperienza incredibile non è ancora sufficiente per descrivere i sette giorni trascorsi in parte in quel di Chisinau e in parte a Balti. Già, ma dove sono queste due città (se così si possono chiamare)? In Africa? In Brasile? No, in Moldavia, piccolo stato dell'ex Unione sovietica, confinante con l'Ucraina a nord e con la Romania a ovest, uno stato che dista quasi 2000 chilometri dall'Italia. Basta spostarsi un pochino più a est per accorgersi di come la realtà cambi rapidamente: addio a Mac Donald e negozi di vestiti ovunque, addio ad auto super tecnologiche, addio a cibi iper sofisticati, addio a ragazzi firmati per strada, addio a discoteche e a tutto ciò che rientra nella nostra quotidianità. L'addio implica un abbandono netto, certamente non facile (soprattutto per un italiano), ma necessario per vivere al meglio e per cercare di adattarsi nel nuovo ambiente. Un ambiente estremamente povero che mette a dura prova una qualsiasi persona abituata ai troppi comfort, che la invita a mostrarsi nella sua semplicità e spontaneità, che la prende al cuore spogliandola da ogni pregiudizio e da ogni attenzione rivolta al personale. Ecco allora che si è circa pronti (il "circa" indica tutti quegli inconvenienti che non possono essere previsti) per la vita moldava. Nella vita moldava rientrano molti aspetti che si possono così riassumere: miseria, bambini, campi, emozioni, valori, strada. ok, ora mi spiego meglio. Beh, i campi sono delle specie di colonie in cui sono presenti lo spazio per i giochi (basket, calcio, pallavolo ecc), tante piccole casette ravvicinate l'una all'altra, un'area per la colazione/pranzo/cena e un "bagno" (a cui io preferii il bosco). All'interno di queste strutture passano l'estate quasi cinquecento bimbi (tra Balti e Chisinau) di età compresa tra i 6 e i 16 anni. Nonostante i 170 chilometri separanti le due città i bimbi/ragazzi non cambiano: sono sempre pronti a donare un sorriso e ad accogliere senza giudicare, malgrado la loro situazione complessa (molti sono orfani, altri hanno la mamma con problemi psichici o in carcere e il papà o è alcolizzato o non c'è più) e la lingua diversa. In cambio non domandano nulla, ma si nota sui loro volti un'espressione più che compiaciuta ad un gesto carino e possibilmente sincero, quale un abbraccio, o un bacio o un  gioco insieme. Le attenzioni, però, accendono unicamente delle piccole speranze che, purtroppo, non sono ancora sufficienti a garantire loro un futuro migliore. Infatti l'affetto è sì necessario alla crescita e alla sicurezza di un individuo, soprattutto di un bimbo, ma sono i soldi (che mancano) a permettere una continuazione in un paese così povero, vivente essenzialmente di agricoltura e ulteriormente disastrato da una terribile inondazione (che con la sua violenza ha abbattuto e sommerso numerose case e portato con sè altrettante numerose vittime). Dato che le televisioni locali e nazionali sono troppo occupate a pensare alla "grave" crisi economica che sta interessando l'Italia, diviene obiettivo mio, nostro e di tutti coloro che hanno avuto la possibilità, il coraggio e la fortuna di passare alcuni giorni in questi stati, di far conoscere le difficili (e spesso drammatiche) situazioni che influenzano i paesi ad un passo da qui, come la Moldavia, e magari di trovare qualche nuovo genitore adottivo che spianerebbe (e farebbe evitare) la strada, sicuramente in salita, ad un bimbo/a con soli 20euro al mese. Esagerando: per noi una sciocchezza, per loro la salvezza. Eh sì la vita là, ma in fondo anche qua, è come una strada, una strada proprio della Moldavia: ad un certo punto ci si accorge di esserne immersi, senza sapere bene il motivo, è un tragitto lungo che attraversa campi di girasole, villaggi poveri, distese erbose e tratti fangosi, che spinge a fare i conti con salite, discese, collinette, oltre le quali l'imprevisto è in agguato, costringendo così l'individuo a mantenere alta l'attenzione, a gustarsi quanto di piacevole il cammino offre, a meravigliarsi degli aspetti nuovi e sconosciuti, insomma a godere, gioire, scontrarsi con ciò che si ha davanti. E se non si dovesse riuscire da soli beh, ci sono sempre i compari di avventura e quell'alleato un pò speciale, Dio, che non ti abbandonano mai e ti danno la forza e il coraggio per proseguire verso la tanto desiderata meta. Una volta raggiunta si possono solo assaporare i dolci frutti che il percorso, spesso aspro, ha lasciato. Così, dopo essermi posta al pari passo dei bimbi e grazie all'aiuto indispensabile dei compagni di viaggio, ecco che qualche risultato comincia a farsi "sentire": ho imparato ad apprezzare ancora di più le piccole cose (sguardi, abbracci, risate ecc) e ciò che ho io (casa, mamma ecc), ho compreso che mettersi in gioco completamente trascurando interamente se stessi (la fame ecc) è difficile, ho capito che vedere un bimbo sorridere vale qualsiasi sacrificio ed è una delle migliori bellezze del mondo. Ora posso proprio affermare che è stata una bellissima e gratificante esperienza, con la speranza di poterla rivivere l'anno prossimo!

Giulia 
 

 
< Prec.   Pros. >
Annunci
Il SaD in chiaro
IRFF Onlus aderisce alle “Linee Guida per il
Sostegno a Distanza di minori e giovani” emanate
dall’Agenzia per le Onlus. Opera nel rispetto dei principi
indicati nelle Linee Guida, garantendo ai sostenitori ed ai
beneficiari trasparenza e qualità nei progetti, informazioni
chiare e complete sul contributo versato a sostegno dei
bambini e delle loro comunità di appartenenza.
IRFF Onlus è presente con una propria pagina
nell’ Elenco delle Organizzazioni SaD istituito dall’Agenzia
per le Onlus.
Image
 
Cinque per mille verso ONLUS

Uno per tutti...5 per mille

Anche per quest'anno sara' possibile devolvere il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi ad associazioni ed enti. La IRFF Onlus Adozioni a distanza e' fra le possibili beneficiarie del 5 per mille.

Leggi tutto...
 
Iscriviti anche tu

Sostieni anche tu la nostra iniziativa... diventa GENITORE ADOTTIVO . Ti chiediamo 20 euro al mese. Leggi le condizioni di adozione... Image

 
Ultime notizie